logo

Acqua e denti

Acqua e denti

Dal calcio ai denti, il passo è breve. Utile per il necessario apporto di calcio, l’acqua non può che far bene anche ai denti. In particolare, quelle contenenti fluoro sono ideali per prevenire carie dentali nei bambini e nei ragazzi fino a 14 anni. Per questo scopo, la quantità raccomandata è di 0,7 mg/l. Ma senza esagerare. Un’eccessiva quantità di fluoro può però condurre fluorosi, con un relativo accumulo nei denti e nello scheletro. Questo il motivo per cui si consiglia un’assunzione di acque con un contenuto di fluoro superiore a 1,5 mg/l per periodi brevi e non continuativi.

Per i più piccoli. Utile ancor prima di nascere, fino alla crescita
Ne dovrebbero bere, nelle giuste quantità, anche le donne in gravidanza. Il fluoro contenuto nell’acqua infatti è utile ancor prima di nascere. E’ già nel feto che si forma la prima impronta del dente. Ma l’importanza in ambito pediatrico non si ferma qui. Una nuova prospettiva di impiego, di recente aperta, prevede l’utilizzo delle acqua minerali, anche non fluorate, quale supporto nella prevenzione della carie dentale, in risposta ad un’assunzione sempre maggiore da parte di bambini di bibite acide, causa di un abbassamento del loro pH salivare. Una diminuzione alla base della dissoluzione delle strutture cristalline del dente, che può aprire la strada ad una lesione cariosa iniziale.


Condividi questi contenuti