logo

Non tutte le acque sono uguali

Non tutte le acque sono uguali

Anche le strade dell’acqua giungono a Roma. Ricalcano a ritroso i secoli per giungere alla Roma antica, fino alle radici della cultura idrologica. Le acque non sono tutte uguali. E i primi a capirlo furono proprio i romani, con la distinzione tra acqua potabile, proveniente dagli acquedotti e utilizzata per uso civico, e acqua di fonte, minerale e termale, utilizzata per scopi terapeutici e anche sacrali. A questa distinzione si deve poi la scoperta e la divulgazione delle diverse funzioni dell’acqua, parte di un patrimonio di conoscenze che ha arricchito e permeato la cultura e le abitudini quotidiane degli italiani.

A differenza delle altre, l’acqua “da bere” è, e deve essere, necessariamente sicura e integra. Garanzie, queste, assicurate al meglio dall’acqua in bottiglia che presenta infatti caratteristiche del tutto peculiari, una costanza di composizione nel tempo, una purezza originaria ed effetti benefici per la salute, certificati dal Ministero della Salute. Del resto, dopo l’imbottigliamento alla fonte e il passaggio in ambienti igienicamente sicuri, le acque minerali vengono quotidianamente controllate nel pieno rispetto sia dei rigorosi parametri indicati dal Ministero della Salute, sia dagli standard qualitativi aziendali che sono, in molti casi, anche più severi di quanto stabilito dalla legge.


Condividi questi contenuti


PER SAPERNE DI PIU'

Non è un caso che sia stata regolamentata da una apposita normativa già dai primi del ‘900: l’acqua minerale è infatti una realtà unica, contraddistinta da purezza originaria, assenza di agenti inquinanti e costanza nella composizione. Nasce e sgorga da s


Acqua è sinonimo di freschezza. E, guardandola dall’esterno, di leggerezza. Eppure, così come esistono le leggere e le pesanti, le acque sono anche dolci e dure, a seconda del contenuto di calcio e magnesio. Ma per comprendere la “durezza dell’acqua” è ne


Calcio e magnesio, potassio e sodio. Senza dimenticare lo zolfo. Sono questi i componenti della famiglia dei macroelementi. Mentre fluoro e ferro, manganese, selenio e zinco sono parte della famiglia dei microelementi.


Non basta il gusto. E neanche le informazioni ricavate dalla pubblicità. Per scegliere bene un’acqua minerale, secondo le nostre specifiche esigenze e la personale via al benessere, serve saper leggere l’etichetta.