logo

L'etichetta, questa sconosciuta

L'etichetta, questa sconosciuta

Non basta il gusto. E neanche le informazioni ricavate dalla pubblicità. Per scegliere bene un’acqua minerale, secondo le nostre specifiche esigenze e la personale via al benessere, serve saper leggere l’etichetta. Oggetto considerato complesso, talvolta oscuro, per via di numeri e sigle non sempre conosciute. Eppure, fonte preziosa di informazioni che, cosa che non possiamo fare con l’acqua potabile ovviamente, ci permette di sapere esattamente che tipo di acqua stiamo scegliendo.

I valori riportati sull’etichetta, infatti, costituiscono un importante strumento per conoscere la ricchezza, il patrimonio di minerali disciolti in ogni singola acqua. Ma non solo.

Dunque, cosa riporta l’etichetta? Per legge sull’etichetta di ogni bottiglia si devono trovare tutte le informazioni relative alle caratteristiche dell’acqua minerale:

  • la denominazione legale “acqua minerale naturale” (con eventuali ulteriori informazioni quali, per esempio, l’aggiunta di anidride carbonica e l’effervescenza naturale);
  • il nome commerciale dell’acqua minerale naturale, il nome della sorgente e il luogo di utilizzazione della stessa;
  • l’indicazione della composizione analitica, risultante dalle analisi effettuate, con i componenti caratteristici (sali minerali e oligoelementi);
  • il termine minimo di conservazione;
  • il contenuto nominale (ad esempio 0,5 litri, 1 litro etc.);
  • la dicitura di identificazione del lotto e le informazioni circa gli eventuali trattamenti consentiti (in caso di trattamento con aria arricchita di ozono, l’etichetta deve riportare, in prossimità della composizione analitica, la dicitura: “acqua sottoposta a una tecnica di ossidazione all’aria arricchita di ozono”;
  • la data e il laboratorio presso cui sono state effettuate le analisi (l’aggiornamento è previsto ogni 5 anni);
  • i componenti caratteristici, la conduttività, il residuo fisso, pH e CO2 libera alla sorgente;
  • la dizione “acqua microbiologicamente pura”;

eventuali proprietà favorevoli alla salute e le modalità di conservazione del prodotto.


Condividi questi contenuti