logo

Gli anziani

Gli anziani

Acqua e anziani
Ancora una volta è centrale il senso della sete. E’ debole nei più piccoli, diventa più sensibile e si irrobustisce negli adulti, per tornare ad alterarsi negli anziani. Con rischi di non poco conto per l’idratazione e il corretto funzionamento di tutti quei meccanismi, all’interno del corpo, che hanno bisogno d’acqua per funzionare. Non sono chiari i motivi che portano le persone anziane ad avvertire meno la sete e il bisogno di bere. In alcuni casi può incidere anche la diminuita indipendenza e prestanza fisica che, specialmente in estate, porta l’anziano a non avere la forza per rispondere ogni volta allo stimolo della sete, specialmente se questo è attenuato. Non è solo pigrizia. Per questo è ancor più importante ricordarsi di bere e prevenire con un’adeguata idratazione. Ma non c’è solo l’alterato senso della sete. La diminuzione delle capacità di concentrazione delle urine da parte del rene, una diminuita efficienza dei sistemi di ormonali di controllo e la diminuzione dell’acqua corporea totale sono le altre quattro cause principali di disidratazione e eccessiva presenza di sodio nel sangue dell’anziano. Quattro motivi in più per convincerci a compiere due gesti semplici: riempire un bicchier d’acqua. E berlo.

Farmaci e anziani, il ruolo dell’acqua per impedire la disidratazione
Insorgono problemi fisici. E ad essi si associa la necessità, durante la terza età, di ricorrere a terapie concomitanti, anche attraverso l’assunzione di farmaci. Una classe di medicinali tipicamente assunti dagli anziani è sicuramente quella dei diuretici, usati sia per controbilanciare l’insufficienza cardiaca, sia per il trattamento dell’ipertensione. Farmaci che però possono provocare nell’organismo sbilanciamenti tra i diversi elettroliti, con alterazioni della quantità di sodio e di potassio. In altre parole, uno spostamento anomalo di acqua dal compartimento intracellulare a quello extracellulare, con ripercussioni sulla funzionalità delle cellule. A soffrirne è la corretta idratazione della persona anziana. Una condizione messa a repentaglio anche da uso di lassativi e alterazioni dello stato mentale, spesso causa di una diminuita assunzione di liquidi.

L’importanza della prevenzione
La disidratazione negli anziani è pericolosa come nei giovani e negli adulti. Ma il vero problema, in questo caso, sta nei segni e nei sintomi. Meno evidenti e quindi meno capaci di far scattare lo stimolo di bere. Manca la secchezza delle mucose e diventano di difficile valutazione il turgore della pelle e le differenza del peso corporeo, poco sensibile. Ma sono anche altri i possibili sintomi. L’aumento delle pulsazioni cardiache di 10-20 battiti al minuto, passando dalla posizione sdraiata a quella in piedi, così come la costipazione, o ridotte capacità mnemoniche, sonnolenza, letargia. Per questo, ancora una volta, il fattore determinante è la prevenzione. Ricordarsi di bere. Sempre.

Gli accorgimenti utili
Come superare le criticità specifiche che insorgono negli anziani? Gli accorgimenti esistono. Ed è utile tenerli a mente. Oltre che applicarli correttamente. Uno di questi è la misurazione della quota giornaliera di acqua introdotta. Farlo in modo oggettivo, mettendo da parte ogni valutazione soggettiva, di per sé variabile e meno affidabile. E’ necessario quindi stabilire alcuni punti di riferimento: una bottiglia al giorno, ad es., può essere un buon parametro.

Una bottiglia da bere entro sera, tenendola sempre con sé, può essere utile. Ovviamente, ne possiamo bere anche di più. Nulla vieta di assumere una quantità d’acqua superiore. Ma il rispetto di una quota minima, oggettivamente verificabile, può aiutare a valutare e rendersi effettivamente conto di ciò che si assume. Garantendo un apporto idrico almeno su una soglia di sufficienza.

Oltre a questo semplice parametro, è possibile calcolare più in dettaglio la quantità d’acqua che un anziano deve assumere. In che modo? Moltiplicando il peso corporeo per 30. Così, in una persona di 70 Kg, la quantità d’acqua da assumere al giorno è di 2.1 litri.


Condividi questi contenuti