logo

L'allergia ti perseguita?

L'allergia ti perseguita?

L'allergia ti perseguita?
Durante il periodo primaverile sono più frequenti, fenomeni allergici che colpiscono quasi il 15% della popolazione, ben 8 milioni di italiani. Una cifra che in età pediatrica aumenta. Un bambino su tre è alle prese con allergie di varia natura. Negli ultimi di 10 anni un numero raddoppiato. E il trend, per il futuro, si conferma in crescita: nel 2020 si stima sarà il 25% degli italiani ad esserne colpito. E un bambino su due avrà bisogno di avvalersi di un allergologo.

Ma gli accorgimenti esistono. Alcuni dei quali sono del tutto sottovalutati. Forse perché inaspettati. Come il ruolo, determinante, svolto anche in questo caso dall’acqua.

Ecco alcune regole da seguire, tutte semplici e a nostra misura.

1. Bere almeno due litri di acqua al giorno per idratare il corpo
Mantenere il corpo idratato contribuisce al benessere delle mucose dell’apparato respiratorio e oculari nei soggetti sensibili a determinati pollini, alleviando così le infiammazioni che sono causate da una sostanza liberata dalle cellule immunitarie per combattere gli allergeni, l’istamina. Studi scientifici hanno infatti dimostrato che la produzione di istamina diminuisce con l’aumento dell’assunzione giornaliera di acqua. Dal legame tra l’istamina e il nostro metabolismo dell’acqua si è osservato che le persone con allergie reagiscono positivamente, in media entro un lasso di tempo che va da una a quattro settimane, alla regolazione idrica del corpo.

2. Assumere acque e alimenti ricchi di magnesio
L’assunzione di acque minerali e alimenti ricchi di magnesio può portare benefici a chi soffre di raffreddore da fieno, rinite o asma. Il deficit di magnesio è un disordine comune nei pazienti con problemi respiratori e asma Questa sostanza, infatti, interviene in numerosi processi metabolici dell’organismo e nella contrattilità del muscolo liscio di diversi tessuti. Il magnesio viene quindi preso in considerazione come terapia d’appoggio per la cura di fenomeni allergici. Il consumo corretto e regolare, durante la giornata, di acque minerali magnesiache è dunque efficace per aumentare l’apporto di magnesio.

3. Purificare l’organismo con l’acqua
Proprio per il peggioramento delle condizioni ambientali l’organismo ha la necessità di smaltire le scorie che vi si insinuano nonostante i filtri fisiologici e l’acqua può svolgere a questo proposito una importante funzione purificatrice. L’assunzione di un’adeguata quantità di acqua aiuta ad eliminare le scorie e le sostanze nocive derivanti da fattori ambientali e talora possibili cause di reazioni allergiche. Una corretta idratazione, sia come quantità che privilegiando acque che facilitano la diuresi, garantisce una facile eliminazione delle impurità ed è presupposto indispensabile perché questo processo vitale avvenga regolarmente.


Condividi questi contenuti